Follow by Email

Wednesday, June 3, 2009

Elezioni Europee - 6 e 7 Giugno

*

Tra gli effetti della crisi economica globale c'è stato quello di disintegrare ogni parvenza di unità europea e così, in assenza di una strategia comune, ogni Paese dell'Unione sta cercando di far fronte essenzialmente ai propri problemi interni. Per fortuna regge l' Euro, baluardo unitario, che consente ai cittadini europei di mantenere un discreto potere d'acquisto e anche di investire qualche quattrino laddove è possibile.

In questo contesto arrivano le elezioni del Parlamento Europeo. In Italia, il peso dei temi europei nella campagna elettorale è stato proporzionale al peso che ha l' Italia in Europa: quasi nullo !
I temi caldi della campagna elettorale mi sono parsi ben altri e così non ho seguito gli sviluppi, non mi interessavano. Meglio utilizzare bene il proprio tempo.

Avevo previsto sin dalla sua fondazione che il progetto del Partito Democratico sarebbe stato fallimentare e così è stato. Questa accozzaglia di correnti, con a capo mediocri individui, prima sparisce meglio è.
Ora però è nata nella Sinistra italiana una formazione politica in cui mi pare ci siano diverse persone di valore. In questa formazione, Sinistra e Libertà, ci avrei visto bene anche Emma Bonino che di questioni europee ed internazionali se ne intende. Comunque il Governatore della Puglia parla un linguaggio moderno, ha una visione alta della politica e ha dimostrato anche un concreto e forte impegno a favore delle energie rinnovabili. I risultati conseguiti dalla Puglia, certo non solo grazie al Governatore, parlano chiaro. Credo che le uniche riflessioni politiche interessanti siano uscite in questi ultimi mesi dagli esponenti di SL i quali hanno portato un pò di aria fresca. Alle elezioni europee mi sembra dunque giusto votare Sinistra e Libertà.

In diverse zone si vota anche per l'elezione della Provincia. Le Province sono però, come è noto, enti inutili e parassiti dunque è meglio non votare alle elezioni provinciali. Votare un Ente inutile e parassita significa legittimarlo. Bastano i Comuni e le Regioni.

1 comment:

cosmo said...

bè.. si è visto il grande successo di Sinistra e Libertà.. è stata capace di non-portare neanche un rappresentante della sinistra radicale al parlamento europeo! complimenti! Non mi piace SL per vari motivi. Innanzitutto, la genesi. Bertinotti e i suoi, tra cui Vendola, sono stati alla guida di Rifondazione Comunista da sempre. I risultati si sono visti.. neanche più un comunista nel parlamento italiano. Si fa quindi il regolare congresso, e viene eletta un altra corrente alla guida del partito. Delle persone mature e responsabili, dopo aver fallito, avrebbero lasciato spazio ad altri. Invece no! Da bravi bambini a cui è stato levato il pallone, hanno deciso di andarsene e non giocare più! Arriviamo poi ai valori, e al significato delle parole. "Sinistra e Libertà": che cosa significa? Innanzitutto che cosa significa "sinistra"? E poi questo "..e libertà"? Cos'è un remake tragicomico della "casa della libertà", "polo della libertà", "popolo della libertà"? Si accodano alla retorica della destra populista! Avrebbe avuto più senso ribadire che "Sinistra è Libertà", chiarendo che la libertà vera non sta a destra. Poi il termine "sinistra"... E' chiaro l'intento elettorale. Dopo che il PD ha dichiaratamente espresso di non-essere di sinistra, qualcuno a raccogliere gli elettori che si definiscono "di sinistra" doveva pure arrivare. La realtà è che la dicitura "essere di sinitra" va riempita di un significato che adesso non ha. Personalmente credo che non ce l'abbia per niente. Ha invece senso la parola "comunismo", "comunista". E' un significato che vorrei chiedere ai dirigenti dei partiti che ancora portano la falce e il martello nel simbolo. Vorrei chiederlo per capire se davvero ne sono consapevoli. Idem per gli elettori. Per me il significato è chiaro. E' un significato che è determinato dalla storia, che ha ancora senso e va ancora declinato.