Follow by Email

Tuesday, February 26, 2013

Grande Risultato

*

La batosta per centro-destra e centro-sinistra, che avevo auspicato, è arrivata. Circa nella misura che avevo predetto: 25 per cento dei voti al M5S. In realtà mi ero sbagliato leggermente per difetto: il M5S prende 8.688.545 voti, che fanno il 25,55 per cento, e 108 deputati alla Camera.

 Il PD, sempre alla Camera, ottiene 8.642.700 voti (25,41 %) mentre alle elezioni politiche dell'Aprile 2008 aveva 12.095.306 voti (33,17 %). Una perdita clamorosa di 3.452.606 voti.

Il PDL ottiene 7.332.121 voti (21,56 %) mentre nell'Aprile 2008 aveva 13.629.464 voti (37,38 %). Una perdita, ancor più clamorosa, di 6.297.343 voti.

La Lega Nord prende oggi 1.390.156 voti (4,08 %) mentre nell'Aprile 2008 aveva 3.024.543 voti (8,29 %): perde 1.634.387 voti e, finalmente, quasi sparisce.

Le tre maggiori cosche che hanno bloccato l'Italia in questi ultimi vent'anni perdono insieme, dal 2008 ad oggi, 11.384.336 voti. Un terremoto che credo abbia pochi precedenti nella storia delle democrazie parlamentari. Questi sono i dati reali delle elezioni di ieri alla Camera e analoghi sono quelli per il Senato come chiunque può constatare. Poi i capetti argomenteranno che insomma non è poi andata così male o forse che hanno vinto...lasciamoli dire!

I capi cosca si salvano solo in virtù di una legge elettorale perversa voluta dalla destra eppoi accettata anche da PD e soci. Tutti costoro hanno sperato di trarne qualche beneficio. In effetti ancora ci riescono ma paralizzandosi reciprocamente. Queste bande parassite di cretini in giacca e cravatta non hanno capito che c'è un'altra Italia fatta di gente che alla sera non si siede più davanti alla TV e che, spesso, non ha nemmeno più una TV in casa. Le fonti di informazione sono altre e ben più attendibili.

Milioni di consumatori comprano oramai direttamente dai produttori saltando le intermediazioni parassitarie dei mercati tradizionali. Milioni di persone hanno capito (o riscoperto) i principi fondamentali di una sana economia, hanno capito che la qualità della vita è in sè un capitale. Mangiar bene e respirare aria pulita contano più dello spread.  Non pretendiamo che un consulente della Coca-Cola capisca questi concetti elementari e sappiamo che anche un Rettore della Bocconi può non capire niente di economia. E' inaudito però che il tipo sia nominato senatore a vita e poi capo di governo. Con esiti pessimi. Queste cariatidi pensano e agiscono secondo paradigmi vecchi.

Mentre a Taranto, anche ier l'altro, l'immondezzaio autorizzato dai clan partitici continuava a spargere i suoi veleni,  l'Italia progressista e produttiva ha mandato un segnale inequivocabile. Molti, anche tra la stampa estera, non capiscono perchè temono l'imprevisto. E' ovvio che sia così ma non importa. Alcune brave persone, dopo avermi letto, in questi giorni mi hanno scritto affermando che anch'io divento co-responsabile dell'ingovernabilità del Paese. Molte di loro hanno vissuto o vivono situazioni familiari di mediocre compromesso caratterizzate da reciproca cornificatio. Accettano la loro condizione di cervidi poichè temono il nuovo sul piano personale. E' ovvio che lo temano anche su quello politico.

Ora torno a seminare, il sole splende.

No comments: