Follow by Email

Friday, February 15, 2008

...Le balle di Legambiente e la colf di Veltroni

So che nei circoli di Legambiente sparsi per l'Italia ci sono brave persone impegnate a difendere con passione il loro territorio. Per tante ragazze e ragazzi, ritrovarsi alla domenica per ripulire una spiaggia o una strada, od anche soltanto per fare una escursione, è un motivo gratificante ed aggregante. Riunirsi sotto le bandiere del Cigno, sentirsi parte di una organizzazione, rafforza un senso di identità e di appartenenza....sono in tanti ad aver bisogno della dimensione gruppale. Purtroppo però molte e molti di loro (che formano la base) non si rendono immediatamente conto che tutto quell' entusiasmo serve ai vertici dell'organizzazione per poter "pesare politicamente" o meglio, per fare una bella carriera partitica personale. Naturalmente ogni iscritta/o, una volta capita l'antifona, ha il diritto di non farsi più usare da personaggi perlomeno ambigui...Legambiente era nata oltre vent'anni fa sulla base dei valori dell'ambientalismo scientifico...ora a me sembra che abbiano finito col prevalere i valori del quattrino...di certo, di scientifico, è rimasto ben poco. Come ho dimostrato più volte! Per poter poi sperare di azzerare domani la CO2 bisogna innanzitutto ridurre oggi l'analfabetismo...e strigliare i politicanti.

Intanto sono partiti i pullman di Veltroni. Il mini-furbacchione Realacci gliene ha dipinto uno di verde ed annuncia, in stile Kyoto, che «le emissioni prodotte (dai pullman) saranno azzerate dalla riforestazione di alcune zone della penisola».

Naturalmente a queste promesse e all'efficacia dell'azione ci crede solo un cretino...fatto sta che il gran-furbacchione Veltroni si è accordato con DiPietro, il quale non mi sembra molto ambientalista ma che porta più voti di Realacci...questi deve dunque dimostrare in tutti modi al capo di essere una brava colf: il pullman sarà senz'altro pulito e confortevole!

Ma non si accorgono di quanto sono ridicoli? La loro fortuna è senz'altro legata all'alto tasso di analfabetismo di massa....chi non capisce niente può ancora credere a quello che dicono.

No comments: