Follow by Email

Friday, August 21, 2009

Ondate di Calore e Case Colabrodo

*

Una recente analisi di Climate Central, basata sui dati di diverse stazioni meteorologiche USA e su modelli di proiezione climatica per 21 città USA, prevede che entro il 2050 ci saranno 6 città nelle quali la temperatura sarà superiore ai 35 °C per più della metà dei giorni di Agosto. Oggi, questo si verifica solo in 2 città, Phoenix e Dallas. Inoltre si prevede che in 12 città la temperatura sarà superiore ai 38 °C per almeno un giorno di Agosto.
Le proiezioni differiscono in base ai diversi scenari che si ipotizzano per le emissioni di gas serra ma non c'è dubbio che la tendenza generale è verso un rialzo delle temperature con l'accentuarsi di fenomeni estremi.

In questo contesto aumentano, soprattutto negli Stati USA del Sud, i consumi di energia elettrica assorbita dagli impianti di refrigerazione e condizionamento che determinano dei picchi nella domanda pericolosi per la rete elettrica. Questo vale ovviamente non solo per gli USA. Inoltre, l'incremento dei consumi induce maggiori emissioni di gas serra in una spirale che è dunque perversa. I condizionatori d'aria sono una delle tante, evidenti ammissioni di stupidità umana: se una casa (o una struttura pubblica) necessita dell'impianto di condizionamento vuol dire semplicemente che è fatta male. Basterebbe farla bene per evitare di buttare energia elettrica e quattrini ma il concetto è troppo elementare perchè venga recepito. E così gli umani accaldati e stressati corrono a comperare condizionatori che, utilizzando elettricità, refrigerano localmente ma scaldano globalmente. Oltretutto, in ambienti condizionati, si vive male e ci si ammala. Sarebbe persino divertente osservare i comportamenti di massa se non fosse che essi hanno effetti ambientali catastrofici.

Uno degli elementi fondamentali nella costruzione di un edificio è il ricoprimento di tetti e/o terrazze con materiali naturali. Si può fare ovunque, serve a tutte le latitudini. Dieci anni fa interpellai in materia una decina di architetti professionisti: tutti erano loquaci e, da buoni italiani, gesticolavano molto mentre esponevano le loro idee sul tema da me proposto. Ma in concreto non sapevano nè progettare nè tantomeno fare un ricoprimento verde. Ed infatti a casa loro si scaldavano bruciando metano e si raffredavano con un condizionatore d'aria. Dunque feci da me che è poi sempre la cosa migliore. Naturalmente succede anche di incontrare persone che sappiano fare il loro mestiere ma è evento raro.

No comments: